Crea sito

Come Diventare un Soccorritore: Passaggi (Illustrato)

Visite: 834

 

Acquisire le Competenze e la Formazione per Diventare Soccorritore

 

  1. Rivolgiti a un’associazione convenzionata con il 118. In Italia generalmente i soccorritori fanno parte di associazioni che svolgono servizio sanitario (Croce Rossa, Croce Bianca, ANPAS, Misericordia, ecc.), sia in qualità di volontari sia di dipendenti. Per svolgere tale attività cerca un’associazione appartenente alla tua area di residenza.
    I requisiti per poter diventare soccorritore non richiedono particolari caratteristiche o competenze: è necessario essere maggiorenni (sebbene alcune associazioni prevedano l’inserimento di minorenni da destinare ad attività estranee al soccorso vero e proprio e avere la licenza media.
  2. Corsi di formazione anche per giovanissimi

    I corsi sono gratuiti presso l’Anpas mentre per la Croce Rossa deve essere versato un piccolo contributo di circa 16 euro. Come diventare volontario del 118 richiede i 26 anni di età per la CRI ma esistono corsi di formazione a partire dai 14 anni. Il corso base come volontario del 118 non abilita al servizio in ambulanze per il quale occorrono moduli avanzati.

 2) Frequenta il corso di formazione. L’addestramento prevede lezioni teoriche e pratiche e ha una durata standard di 120 ore così suddivise:
42 ore per la qualifica di “soccorritore abilitato ai soli trasporti secondari” con abilitazione regionale Basic Life Support – Defibrillation (BLS-D). Il BLS-D è una tecnica di primo soccorso che comprende la rianimazione cardiopolmonare e, in quanto tale, è un requisito fondamentale per diventare soccorritore. Al termine di questa prima parte di corso dovrai sostenere un esame di idoneità finale (che ti permetterà di passare alla fase successiva dell’addestramento).
L’esame di idoneità è composto da due prove: una prova teorica mediante domande a risposta multipla, e una prova pratica di BLS-D per l’abilitazione all’uso del defibrillatore semiautomatico esterno a due tasti.
78 ore per la certificazione di “soccorritore esecutore 118 abilitato con uso del defibrillatore semiautomatico”. Dopo un periodo di tirocinio pratico (in qualità di osservatore) dovrai sostenere un esame di abilitazione finale e, una volta ottenuta la qualifica, potrai operare in autonomia all’interno dell’ambulanza.
L’esame di abilitazione è composto da quattro prove: una prova teorica mediante domande a risposta multipla, una prova pratica relativa all’uso del defibrillatore semiautomatico esterno a due tasti, una prova pratica relativa all’uso di presidi o tecniche e, infine, una simulazione di intervento.

3) Durante il corso d’addestramento, oltre a un approfondimento sulle varie componenti del corpo umano, gli allievi acquisiscono le seguenti competenze:
Come utilizzare correttamente le attrezzature di emergenza
Come comportarsi in caso di emorragie, fratture, ustioni, arresti cardiaci e parti d’urgenza (fra le cose più comuni)
Come somministrare l’ossigeno
Come prevenire lo stato di shock
Aspetti medico-legali.

 

Consigli
Prenditi del tempo per tenerti in forma. Resistenza e forza (soprattutto nella parte superiore del corpo) sono fondamentali per avere successo in questo campo.
Consegui qualsiasi certificazione possa esserti utile per essere idoneo a diventare soccorritore.

 

Rocco. M.

Nato a Foggia, Soccorritore dal 94, fondatore della pagina Facebook e gestione dei social media "Gli angeli del soccorso". Attualmente dipendente della Sanitaservice ASLFG la sua passione per il volontariato vede la sua massima espressione nella realizzazione del progetto Angeli del soccorso...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*