Crea sito

Il Manichino Resusci Anne: la Sconosciuta della Senna

Visite: 224

 

Anne: una ragazza sconosciuta insegna come salvare una vita

[slideshow_deploy id=’752’]

 

Da dove viene il nome del manichino, il Mini Anne appunto? Qualcuno se lo domanderà. E questa è la sua storia. Ormai più di un secolo fa, intorno al 1890, il corpo di una giovane ragazza sconosciuta viene trovato annegato nella Senna e viene portato in un obitorio vicino a Notre Dame. Il suo corpo viene adagiato nel ghiaccio e rimane esposto perché qualcuno lo possa identificare, ma nessuno la riconosce. La ragazza però è bellissima: dicono che il suo viso sembra sorridere come quello di Monna Lisa. La fama della sua bellezza si diffonde, tantissime persone si accalcano per ammirarla e artisti e scrittori rimangono affascinati da quel viso e da quel sorriso. Qualcuno scriverà di lei: «il volto sorrideva, emanando un senso di grande pace interiore, ma al tempo stesso un’ombra di inganno. Se distoglievi lo sguardo da lei per un momento, e poi tornavi a guardarla, sembrava sorridere tra sé e sé dopo aver aperto gli occhi a tua insaputa e averli richiusi appena in tempo». La fama di quel volto cresce, vengono prodotti romanzi, opere teatrali e film sulla “Sconosciuta della Senna” ma nessuno, nonostante tutte le ricerche, riesce nell’identificazione. Per conservare intatta tale bellezza si decide di fare un calco di quel volto bellissimo e sorridente per difenderlo dal tempo che passa. Non si svelerà mai il mistero di questa ragazza e della sua morte: si pensa a un suicidio dovuto a un amore non corrisposto, ma siamo nella leggenda. Questa storia circola però in tutta l’Europa, insieme alle riproduzioni del suo calco funebre.Un giorno, nel 1958, un medico austriaco emigrato a Baltimora, Peter Safar, dà alla pubblicazione una innovativa tecnica di soccorso per le vittime di arresto cardiaco, che unisce la respirazione bocca a bocca alle compressioni toraciche: è la nascita ufficiale della tecnica di Rianimazione Cardiopolmonare che consente di far arrivare ossigeno al cervello e al cuore per tenere vivi i tessuti in attesa di un defibrillatore che possa correggere il problema elettrico del muscolo cardiaco.Questa tecnica è efficace, ma prima di poterla mettere in elettrico del muscolo cardiaco. Questa tecnica è efficace, ma prima di poterla mettere in pratica su una persona è indispensabile essersi allenati nelle manovre da compiere su
qualche altro supporto. Il dottor Safar contatta il signor Asmund Laerdal, un produttore norvegese di giocattoli e bambole in vinile e gli affida il compito di costruire un manichino per le esercitazioni. Laerdal ricorda la storia della Sconosciuta della Senna e darà al manichino il suo viso, battezzando la
“bambola” con il nome di Resusci-Anne. Ancora oggi questo manichino viene usato in tutto il mondo per insegnare ai soccorritori le tecniche della rianimazione cardiopolmonare e della defibrillazione e la sconosciuta ragazza della Senna è diventata immortale.

Rocco. M.

Nato a Foggia, Soccorritore dal 94, fondatore della pagina Facebook e gestione dei social media "Gli angeli del soccorso". Attualmente dipendente della Sanitaservice ASLFG la sua passione per il volontariato vede la sua massima espressione nella realizzazione del progetto Angeli del soccorso...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.