Crea sito

Terremoto, il racconto del personale del 118 Empoli-Pistoia

Visite: 393

 

È rientrato il personale della Centrale Operativa 118 Empoli-Pistoia, i primi due gruppi toscani composti da medici e infermieri del sistema di Maxiemergenza che erano partiti all’alba dello scorso 24 agosto per raggiungere le zone colpite dal devastante terremoto che aveva colpito il centro Italia. I medici Juri Lo Dico e Cecilia Marmai insieme agli infermieri Marisa Galigani, Andrea Iori, David Nucci e Ilario Bocchi insieme ai Volontari sono stati tra i primi operatori sanitari toscani, a giungere nella frazione di Cornillo Nuovo, ad Amatrice (Rieti), per accogliere ed assistere la popolazione nel posto medico avanzato/punto medico di primo soccorso allestito dalla Protezione Civile. Gli operatori, che in questi giorni hanno lasciato il posto ai colleghi di Siena in una staffetta che vedrà impegnato anche il personale delle Centrali operative di Grosseto ed Arezzo, – hanno raccontato di essersi trovati di fronte ad una realtà drammatica dal forte impatto emotivo che difficilmente dimenticheranno. I professionisti che hanno fatto fronte a tanti casi urgenti, sono stati impegnati nell’assistenza degli sfollati, in prevalenza anziani, dedicandosi anche alle loro problematiche psicologiche e sociali. Tenuto conto della temporanea assenza dei medici di famiglia gli operatori del 118 hanno svolto anche un importante servizio per i malati cronici (ipertesi, cardiopatici, diabetici, ecc…) nei primi momenti in cui mancavano i farmaci, assistendo la popolazione sia all’interno della tensostruttura che a domicilio. “Complessivamente –hanno detto-è stata un’esperienza umana e professionale che ci segnerà e che siamo orgogliosi di aver svolto”.

Fonte: Asl Area Vasta Centro

[slideshow_deploy id=’1647’]

 

Rocco. M.

Nato a Foggia, Soccorritore dal 94, fondatore della pagina Facebook e gestione dei social media "Gli angeli del soccorso". Attualmente dipendente della Sanitaservice ASLFG la sua passione per il volontariato vede la sua massima espressione nella realizzazione del progetto Angeli del soccorso...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*