Crea sito

Il travaglio, lo spavento, il lieto fine: Sabrina è nata in casa come una volta

Visite: 344

 

Parto improvviso ‘guidato’ via telefono dal 118

Certaldo – Il tempo di una telefonata e la piccola Sabrina è venuta alla luce. E’ nata mentre il babbo era in contatto con gli infermieri della centrale operativa del 118 Empoli Pistoia, cercando di aiutare la sua compagna in preda ai dolori del travaglio. Un travaglio arrivato  poco prima delle 10 di ieri mattina, quando la coppia si trovava a casa in via delle Regioni, a Certaldo. La donna, una trentenne, ha iniziato ad avvertire forti dolori e una voglia irrefrenabile di spingere.

A raccontarlo è stato il marito, emozionato eppure lucido nel chiedere aiuto agli operatori del 118, pronti dal canto loro a rispondere aun’emergenza piuttosto inusuale. Guidare un parto via telefono non è cosa da tutti i giorni, nemmeno per chi quotidianamente si trova alle prese con soccorsi da coordinare in maniera efficace e rapida. A caccia, possibilmente, di un lieto fine. Quello che ieri è arrivato con un fiocco rosa da appendere ‘virtualmente’ pure alla porta della centrale operativa con sede a Pistoia. A oltre sessanta chilometri dalla casa del lieto evento, in un’altra provincia, lì si trovava la voce che ha prima cercato di ‘guidare’ il parto, poi di dare le corrette indicazioni per garantire buona salute alla piccola e alla sua mamma.

«Mia moglie ha delle forti contrazioni», ha spiegato l’uomo a chi ha raccolto la sua richiesta di soccorso. Il personale si è subito attivato, chiedendo informazioni sulle condizioni della futura mamma. Appena il tempo di apprendere che si trovava a fine gravidanza che un vagito ha messo tutti a tacere: la piccola Sabrina, questo il nome scelto per lei dai neogenitori, ha fatto il suo ingresso nel mondo. Erano le 10 o poco più. Senza chiedere il permesso, convinta che fosse il momento giusto, la piccola ha ‘preso in mano’ la situazione e ha subito fatto sentire la sua voce.

Un momento  di estrema gioia e grande coinvolgimento che tuttavia non ha ‘distratto’ gli addetti ai lavori. Da lontano, hanno continuato a seguire e tranquillizzare la mamma e il babbo ormai con la loro bambina tra le braccia, in attesa dell’arrivo del personale dell’automedica e dell’ambulanza della Misericordia di Certaldo. Una volta a casa, i soccorritori si sono occupati di madre e figlia, tagliando il cordone ombelicale e prestando le prime cure. Poi tutta la famigliola è partira in direzione ospedale di Poggibonsi, mettendo fine a una mattinata fuori dagli schemi.

«Effettivamente – commenta Alessio Lubrani, vicedirettore della centrale operativa 118 Empoli Pistoia, nonché direttore del 118 Empoli – è raro per il nostro personale infermieristico trovarsi a guidare un parto. Tuttavia,dare consigli telefonici, per gli operatori, è pane quotidiano: un’attività da loro svolta con estrema professionalità». Una garanzia anche di fronte al più lieto degli imprevisti.
[slideshow_deploy id=’1647’]

Rocco. M.

Nato a Foggia, Soccorritore dal 94, fondatore della pagina Facebook e gestione dei social media "Gli angeli del soccorso". Attualmente dipendente della Sanitaservice ASLFG la sua passione per il volontariato vede la sua massima espressione nella realizzazione del progetto Angeli del soccorso...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.